Siti
Navigare Facile

Costi Acquisto Casa

Le Spese per l'Acquisto della Casa

La compravendita della casa richiede numerosi sforzi, anche economici. Il fatto di vendere il proprio immobile di proprietà per acquistarne un altro non esonera dal sostenere spese significative, come quelle connesse al Notaio e alle imposte, oltre ai costi eventualmente connessi all'intervento di un'agenzia immobiliare.

Partiamo dal fondo, affrontando i costi dovuti per l'attività d'intermediazione. L'agente immobiliare che mette in contatto il venditori e  l'acquirente portando avanti la trattativa con successo dovrebbe ricevere le provvigioni da parte di entrambi, anche se talvolta la persona che mette la propria casa sul mercato beneficia di un grande sconto o di un servizio gratuito.

La percentuale dovuta all'agente immobiliare varia poi da caso a caso, sebbene tendenzialmente oscilli attorno al 3% (iva esclusa) per l'acquirente; in ogni circostanza va comunque specificata in maniera chiara fin dalla prima visita dal momento che non è facilmente contrattabile in seguito.  

Se le provvigioni dipendono dalla scelta di rivolgersi o meno ad un mediatore, i costi notarili sono, al contrario, sempre presenti. 

In occasione del rogito è necessario che l'acquirente versi al Notaio sia la somma riconducibile all'onorario del professionista ed alle spese da egli sostenute sia il denaro dovuto per le imposte di registro, catastali e ipotecarie.

L'onorario varia da Notaio a Notaio, seppure in maniera non molto rilevante, mentre per tasse e imposte ci sono parametri fissi.

Ad esempio nel caso in cui si proceda all'acquisto della prima casa l'imposta di registro corrisponde al 3% della rendita catastale, la quale è desumibile da una semplice visura catastale. Nel caso in cui si acquisti l'immobile dall'impresa costruttrice l'imposta di registro scende all'importo di 168 euro, ma non va dimenticata l'iva da versare nella percentuale del 4%.

L'imposta ipotecaria e quella catastale ammontano a 168 euro ciascuna, importi fissi a prescindere dal valore dell'immobile oggetto della compravendita, a meno che non si tratti di una seconda casa poichè in questo caso le imposte aumentano.